Ufficio Messo

Sede 1° piano del palazzo municipale (Villa Milesi - via G. Marconi, 19)

Orario

di apertura

- lunedì: dalle ore 10:00 alle ore 12:30
- martedì: dalle ore 16:00 alle ore 18:00
- mercoledì: dalle ore 10:00 alle ore 12:30
- giovedì: dalle ore 10:00 alle ore 12:30 e dalle ore 17:00 alle ore 18:00
- venerdì: dalle ore 10:00 alle ore 12:30
- sabato: chiuso
tel. 035-983623 - interno 2
fax. 035-983008
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
e-mail PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Responsabile dott.ssa Enrica Vender
Personale Giuseppina Macario - Collaboratore amministrativo

 

LE FUNZIONI

Spetta la notifica degli atti su tutto il territorio comunale in quanto la Pubblica Amministrazione deve spesso trasmettere informazioni o notizie alle persone che si trovano su un determinato territorio in base agli art. 137 e seguenti del Codice di Procedura Civile, al DPR. 600/73 e alla legge 890/82.

Al messo compete di effettuare la notificazione e la pubblicazione all’albo pretorio on line degli atti (ordinanze, deliberazioni, certificati elettorali, avvisi di convocazione, di accertamento dei tributi comunali provinciali ed erariali, ecc.) riguardanti l’Amministrazione da cui dipende e di quelli delle altre pubbliche amministrazioni che ne facciano richiesta e secondo le eventuali disposizioni regolamentari dell’ente di appartenenza.

Ad esso spetta il compito di provvedere alla notifica ed alla pubblicazione all'albo pretorio degli atti emanati dagli organi del Comune (ordinanze, delibere, atti di accertamento, ecc.) e dalle altre Pubbliche Amministrazioni che ne facciano richiesta (es. Agenzia delle Entrate).

Egli non può notificare atti a richiesta di privati, per i quali bisognerà ricorrere all’opera dell’Ufficiale Giudiziario.
A questo proposito si porta a conoscenza che l’Ufficiale Giudiziario deposita in Comune, presso l’Ufficio Segreteria, gli atti che non è riuscito a notificare presso il domicilio dell’interessato, lasciando a quest’ultimo l’avviso di rivolgersi presso la casa comunale per il ritiro dell’atto giudiziario stesso.