Servizi Finanziari e Ragioneria

Sede 2° piano del palazzo municipale (Villa Milesi - via G. Marconi, 19)

Orario

di apertura

- lunedì dalle ore 10:00 alle ore 12:30;
- martedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00;
- mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 12:30;
- giovedì dalle ore 10:00 alle ore 12:30 e dalle ore 17:00 alle ore 18:00;
- venerdì dalle ore 10:00 alle ore 12:30;
- sabato: chiuso.
tel. 035-983623 - interno 3, 035-983634
fax. 035-983634
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
e-mail PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Responsabile rag. Ermanno Zendra
Personale
Laura Fusarri - Istruttore amministrativo
Ornella Pedrocchi - Istruttore amministrativo
Note Il Responsabile del Servizio riceve solo su appuntamento

 

 
LE FUNZIONI
 
L'Ufficio Ragioneria ha il compito di garantire l'esercizio delle funzioni di coordinamento e di gestione dell'attività finanziaria in coerenza con gli obiettivi definiti dai programmi e dai piani annuali e pluriennali, assicurando l'assistenza ed il supporto alle altre unità organizzative dell'ente nella gestione delle risorse e dei budget loro assegnati.
 

ATTIVITA' SVOLTE

L’Ufficio:
  • cura la redazione del bilancio di previsione, del rendiconto di gestione e relativi allegati;
  • provvede alla gestione del bilancio ed alla tenuta sistematica della contabilità finanziaria ed economica generale;
  • cura i rapporti con l'organo di revisione economico-finanziaria, con il tesoriere e con gli agenti contabili interni;
  • assolve gli adempimenti fiscali e tributari del Comune e cura la gestione dei relativi rapporti verso gli istituti finanziari.
 
L’Ufficio Ragioneria svolge le funzioni proprie del “servizio economico-finanziario” così come definite dall’art. 153 del Decreto legislativo n. 267 del 18.08.2000 (*).
 
 
 
CODICE UNIVOCO PER FATTURAZIONE ELETTRONICA AL COMUNE DI LOVERE:
UFMQ6O (U di Udine, F di Firenze, M di Milano, Q di Quarto, 6 numero, O di Otranto)
Per maggiori informazioni clicca qui
 

 
CODICE IBAN PER PAGAMENTI A FAVORE DEL COMUNE DI LOVERE
 
ENTI PUBBLICI
L’articolo 35, comma 8 del Decreto legge n. 1 del 24.01.2012, sospendendo il sistema di Tesoreria Mista a decorrere dal 16.04.2012, ha di fatto reintrodotto l’applicazione del regime di Tesoreria Unica fino al 31.12.2017.
I pagamenti disposti a favore del Comune di Lovere dagli Enti soggetti al sistema di Tesoreria Unica - di cui alle tabelle “A” e “B” della Legge n. 720/84 - dovranno quindi essere eseguiti tramite operazioni di girofondi.
Per tale motivo, si forniscono le coordinate necessarie per il pagamento delle somme dovute a questo Comune:
  • numero di contabilità speciale presso la Tesoreria Provinciale dello Stato: 0179628
  • intestazione: Comune di Lovere
  • codice IBAN: IT81E0100003245130300179628
 
PRIVATI E IMPRESE

A seguito dell’incorporazione di Banca Popolare di Bergamo nella UBI BANCA S.p.A., dal 20 febbraio 2017 i pagamenti a favore del Comune di Lovere da parte dal settore privato e da enti non rientranti nella Pubblica Amministrazione devono essere effettuati sul conto corrente bancario di tesoreria comunale aperto presso la UBI BANCA S.p.A. - filiale di Lovere, via Tadini n. 30 - il cui IBAN è il seguente: IT50U0311153170000000013581.

 
 
 
NOTIZIE DI SETTORE:
 
 
 
MODULISTICA
 
 
 
 
(*) Articolo 153 (Servizio economico-finanziario) del Decreto legislativo n. 267 del 18.08.2000 - in vigore dal 12 settembre 2014
 
1. Con il regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi sono disciplinati l'organizzazione del servizio finanziario, o di ragioneria o qualificazione corrispondente, secondo le dimensioni demografiche e l'importanza economico-finanziaria dell'ente. Al servizio è affidato il coordinamento e la gestione dell'attività finanziaria.
 
2. E' consentito stipulare apposite convenzioni tra gli enti per assicurare il servizio a mezzo di strutture comuni.
 
3. Il responsabile del servizio finanziario di cui all'articolo 151, comma 4, si identifica con il responsabile del servizio o con i soggetti preposti alle eventuali articolazioni previste dal regolamento di contabilità.
 
4. Il responsabile del servizio finanziario, di ragioneria o qualificazione corrispondente, è preposto alla verifica di veridicità delle previsioni di entrata e di compatibilità delle previsioni di spesa, avanzate dai vari servizi, da iscriversi nel bilancio di previsione ed alla verifica periodica dello stato di accertamento delle entrate e di impegno delle spese, alla regolare tenuta della contabilità economico-patrimoniale e più in generale alla salvaguardia degli equilibri finanziari e complessivi della gestione e dei vincoli di finanza pubblica. Nell'esercizio di tali funzioni il responsabile del servizio finanziario agisce in autonomia nei limiti di quanto disposto dai principi finanziari e contabili, dalle norme ordinamentali e dai vincoli di finanza pubblica.
 
5. Il regolamento di contabilità disciplina le modalità con le quali vengono resi i pareri di regolarità contabile sulle proposte di deliberazione ed apposto il visto di regolarità contabile sulle determinazioni dei soggetti abilitati. Il responsabile del servizio finanziario effettua le attestazioni di copertura della spesa in relazione alle disponibilità effettive esistenti negli stanziamenti di spesa e, quando occorre, in relazione allo stato di realizzazione degli accertamenti di entrata vincolata secondo quanto previsto dal regolamento di contabilità.
 
6. Il regolamento di contabilità disciplina le segnalazioni obbligatorie dei fatti e delle valutazioni del responsabile finanziario al legale rappresentante dell'ente, al consiglio dell'ente nella persona del suo presidente, al segretario ed all'organo di revisione, nonché alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti ove si rilevi che la gestione delle entrate o delle spese correnti evidenzi il costituirsi di situazioni - non compensabili da maggiori entrate o minori spese - tali da pregiudicare gli equilibri del bilancio. In ogni caso la segnalazione è effettuata entro sette giorni dalla conoscenza dei fatti. Il consiglio provvede al riequilibrio a norma dell'articolo 193, entro trenta giorni dal ricevimento della segnalazione, anche su proposta della giunta.
 
7. Lo stesso regolamento prevede l'istituzione di un servizio di economato, cui viene preposto un responsabile, per la gestione di cassa delle spese di ufficio di non rilevante ammontare.