Asilo nido comunale

 

Giuseppina SPELGATTI
membro di maggioranza
Massimiliano BERTONI
membro di maggioranza
Parisi PATRIZIA
membro di maggioranza
Simonetta URGNANI
membro di maggioranza
Emma VENDER
membro di minoranza
Giancarlo MASSIMI         
rappresentante dei genitori
Anna BETTONI
rappresentante dei genitori
vacante
rappresentante dei genitori
Stefania PIANTONI
rappresentante del personale

 

Dal regolamento per la gestione dell'asilo nido comunale:

C.A.N. - COMPOSIZIONE (art. 4 )

La partecipazione sociale nell’Asilo Nido è assicurata mediante l’attività di apposito Comitato Asilo Nido nominato secondo le disposizioni di legge, così costituito:

  • n. 5 membri in rappresentanza del Consiglio comunale, di cui 1 in rappresentanza della minoranza;
  • n. 3 rappresentanti dei genitori, eletti dagli stessi;
  • n. 1 rappresentante del personale, con funzioni di coordinamento eletto dal personale medesimo.

Il C.A.N. nella sua prima seduta elegge a maggioranza il Presidente e il Vice Presidente.

Il segretario viene fornito dall’Ufficio servizi sociali e redige il verbale di ogni seduta, assicura la necessaria assistenza per l’esecuzione di provvedimenti adottati.

Non possono assumere le funzioni di Presidente e Vice presidente del C.A.N. i rappresentanti del personale, i dipendenti comunali o incaricati dal Comune per prestazioni o consulenze professionali.

I membri di rappresentanza del Consiglio comunale restano in carica per la durata del Consiglio comunale e comunque, in regime di “prorogatio”, sino alla nomina del nuovo C.A.N..

I rappresentanti dei genitori restano in carica fino alla dimissione dei rispettivi figli dal Nido.

I componenti del C.A.N. decadono qualora, senza giustificato motivo, non partecipino alle riunioni per tre volte consecutive e vengono tempestivamente sostituiti. Alla surroga dei componenti del C.A.N., decaduti o dimissionari, si provvede con le modalità ed i criteri stabiliti per la nomina.

 

RIUNIONE DEL C.A.N. (art. 5)

Il C.A.N. si riunisce in via ordinaria, su convocazione del Presidente, almeno una volta ogni tre mesi e, in via straordinaria, su richiesta scritta di 1/3 dei membri del C.A.N. o su richiesta delle educatrici o dell’Assemblea dei genitori.

Per le convocazioni ordinarie il preavviso sarà di 5 giorni.
Per le convocazioni in via straordinaria e/o d’urgenza, il preavviso, sarà, comunque, non inferiore alle 24 ore.

Il C.A.N. è validamente costituito con la presenza della metà più uno dei suoi componenti, compreso il suo Presidente. La convocazione deve indicare l’Ordine del giorno degli argomenti da discutere e deve essere affissa alla bacheca dell’Asilo nido, almeno tre giorni prima della data fissata per la riunione. Le riunioni del C.A.N. sono pubbliche; nel solo caso in cui si discuta di persone, la seduta è segreta. Presso l’ufficio Servizi Sociali devono essere conservati i verbali della riunione del C.A.N., sottoscritti dal Presidente e dal verbalizzante.

Le determinazione del C.A.N. vengono pubblicate, mediante affissione, nella bacheca dell’Asilo nido e conservate presso l’Ufficio servizi sociali comunale.

 

FUNZIONI E COMPETENZE DEL C.A.N. (art. 6)

Il C.A.N. ha funzione consultiva e di proposta in ordine alla programmazione ed all’organizzazione del Nido. Il C.A.N. propone all’Amministrazione comunale gli indirizzi generali del servizio con riguardo agli aspetti organizzativi e funzionali dello stesso.

Esprime il proprio parere sui criteri relativi alla formazione delle graduatorie di ammissione al Nido, sui criteri relativi alle dimissioni, ai prolungamenti, al calendario dei nuovi inserimenti, in collaborazione con il personale del Nido.

Inoltra al Responsabile del servizio proposte riguardanti aspetti organizzativi e funzionali finalizzati al migliore funzionamento, propone al Responsabile del servizio iniziative finalizzate a promuovere il servizio del Nido in rapporto all’infanzia (anche con incontri con le famiglie, gli operatori sociali e sanitari presenti sul territorio).

Favorisce la più ampia diffusione di informazioni inerenti al funzionamento del Nido.

Esprime parere sul piano annuale di lavoro predisposto dal personale educativo e sui criteri attuativi.

Esamina le proposte dell’Assemblea delle famiglie da inoltrare all’Amministrazione comunale e al Responsabile del servizio per le conseguenti valutazioni.

Inoltra una relazione annuale all’Amministrazione comunale illustrativa dell’attività svolta, con eventuali proposte finalizzate alla promozione di un servizio efficiente, al funzionamento della struttura, alla modifica del Regolamento.

Sostiene le iniziative di raccordo con la Scuola materna allo scopo di favorire la continuità dell’intervento educativo.