Calcolo e versamento IMU 2017

Per agevolare l’assolvimento degli adempimenti in scadenza nel mese di giugno, si specificano in questa pagina le principali modalità di calcolo e di versamento dell'IMU (Imposta Municipale Propria), nonché le novità introdotte nell’anno 2017 Per agevolare l’assolvimento degli adempimenti in scadenza nel mese di giugno, si specificano di seguito le principali modalità di calcolo e di versamento dell'IMU (Imposta Municipale Propria), nonché le novità introdotte nell’anno 2017.
 
ESENTI dal versamento dell’imposta:
- abitazione principale e relative pertinenze nelle categorie C/2-C/6-C/7;
- terreni agricoli - il Comune di Lovere ricade in territorio totalmente montano e, pertanto, tutti i terreni agricoli sono esenti;
- gli immobili di proprietà dei soggetti AIRE con gli stessi requisiti per l’anno d’imposta 2015.
 
 
 
Permane il versamento per le categorie
 

1. Abitazioni principali categorie catastali A/1-A/8-A/9 (categorie di  “LUSSO”) e relative pertinenze categorie catastali C/2-C/6-C/7 ALIQUOTA: 4,00 PER MILLE

DETRAZIONE PER ABITAZIONE PRINCIPALE categorie catastali A/1-A/8-A/9
Dall'imposta dovuta per l'immobile destinato ad abitazione principale del soggetto passivo e relative pertinenze si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200,00. La detrazione è rapportata al periodo dell'anno durante il quale persiste tale destinazione; inoltre, nel caso in cui l'unità immobiliare sia utilizzata come abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta in parti uguali tra loro, prescindendo dalle quote di possesso.
 
COME SI CALCOLA L'IMPOSTA
L'imposta dovuta si determina applicando l'aliquota base (4,00 per mille) al valore degli immobili, tenendo conto della detrazione, della percentuale di possesso e della percentuale di detrazione applicabile.
Il valore è dato dalla rendita catastale, risultante in catasto al 1° gennaio dell'anno d'imposta, rivalutata del 5%, moltiplicata per un coefficiente diverso a seconda della categoria catastale:
- 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A, con esclusione della categoria catastale A/10;
- 160 per i fabbricati classificati nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 (nel numero massimo di UNA pertinenza per categoria).
 
 

Altri immobili aliquota: 10,6 PER MILLE

COME SI CALCOLA L’IMPOSTA
L'imposta si determina applicando al valore degli immobili e sulla base dei requisiti posseduti l'aliquota di riferimento.
Il valore è dato dalla rendita catastale, risultante in catasto al 1° gennaio dell'anno d'imposta, rivalutata del 5%, e moltiplicata per un coefficiente diverso a seconda della categoria catastale:
- 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B, e nelle categorie C/3, C/4 e C/5; 
- 80 per i fabbricati classificati nella categoria A/10 e D/5 (istituti di credito, cambio, assicurazione);
- 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D (capannoni, alberghi, cinema, ecc.), escluso D/5;
- 55 per i fabbricati classificati nella categoria C/1 (negozi).
 
 
CASI PARTICOLARI:
- Fabbricati appartenenti al gruppo "D" interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, privi di rendita catastale, per i quali si utilizzano i costi contabili (novità 2017: Decreto 14 aprile 2017 del Ministero dell’Economia e delle Finanze concernente l’aggiornamento dei coefficienti IMU e TASI per l'anno 2017);
- aree fabbricabili - la base imponibile è data dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno d’imposta; questo valore può essere desunto dalla perizia di stima comunale, consultabile sul sito internet istituzionale;
- fabbricati storici-artistici e Immobili inagibili e inabitabili - in presenza dei requisiti richiesti - l’IMU è dovuta nella misura del 50%.

 

 
COME PAGARE

Il versamento dovrà essere effettuato tramite il Modello F24, utilizzando i seguenti codici:

Codice Tributo

Descrizione

3912

IMU - imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze

3916

IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili - COMUNE

3918

IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati - COMUNE

3925

IMU - imposta municipale propria per gli immobili tipo D - STATO

3930

IMU - imposta municipale propria per gli immobili tipo D - INCREMENTO COMUNE

 
Il Codice identificativo del Comune di Lovere è E704
 
TERMINI DI PAGAMENTO
Il versamento può essere eseguito:
- in un’unica soluzione entro il 16 giugno 2017;
- in due rate: acconto entro il 16 giugno 2017, saldo entro il 16 dicembre 2017.
 
IMPORTI MINIMI DI VERSAMENTO
Non devono essere eseguiti versamenti in autoliquidazione per importi inferiori a € 5,00.
L’importo minimo deve intendersi riferito all’imposta complessivamente dovuta e non agli importi relativi alle singole rate, né alle quote riservate al Comune ed allo Stato, né tantomeno ai singoli immobili.
 
IMMOBILI CONCESSI IN USO GRATUITO
La base imponibile è ridotta del 50 per cento (50%) per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1-A/8-A/9, concesse in comodato utilizzate come abitazione principale, a condizione che:
- venga concesso ai soli parenti in linea retta entro il primo grado (genitori-figli);
- il contratto sia registrato presso l’Agenzia delle Entrate;
- il comodante possieda un solo immobile in Italia oltre alla propria abitazione principale (ad eccezione sempre delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1-A/8-A/9);
- il comodante risieda anagraficamente e dimori abitualmente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato.
 
 
 
 
DICHIARAZIONE IMU-TASI
I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta, che possono riguardare:
- l’area edificabile;
- i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati;
- i fabbricati di interesse storico o artistico;
- i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto permanga tale destinazione e gli immobili non siano locati (c.d. immobili-merce);
- gli immobili oggetto di un atto di concessione amministrativa su aree demaniali;
- gli immobili assegnati al socio della cooperativa edilizia a proprietà indivisa oppure immobili per i quali è variata la destinazione ad abitazione principale dell’alloggio;
- gli immobili che hanno perso/ hanno acquistato durante l’anno il diritto all’esenzione IMU;
- gli immobili per cui è intervenuta una riunione di usufrutto, non dichiarata in catasto;
- gli immobili per cui è intervenuta un’estinzione del diritto di abitazione, uso, enfiteusi o superficie;
- gli immobili posseduti a titolo di proprietà o altro diritto reale di godimento, da persone giuridiche interessate da fusione, incorporazione o scissione;
- gli immobili, ad eccezione di quelli classificati nelle categorie catastali A1 A8 A9, concessi in comodato gratuito a parenti in linea retta di primo grado (genitori-figli) che le utilizzano come abitazioni principali.
 
Pertanto per le variazioni avvenute nell’anno 2016, la dichiarazione IUC deve essere presentata entro il 30 giugno 2017.
Per le variazioni avvenute nell’anno 2017 la dichiarazione IUC deve essere presentata entro il 30 giugno 2018.
 
 
 
 
SERVIZI AL CONTRIBUENTE
Si comunica che per ogni necessità di supporto o chiarimento ciascun contribuente potrà rivolgersi allo Sportello presso gli Uffici comunali nei seguenti orari:
- lunedì dalle 10:00 alle 12:30;
- martedì dalle 16:00 alle 18:00;
- mercoledì dalle 10:00 alle 12:30;
- giovedì dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 17:00 alle 18:00;
- venerdì dalle 10:00 alle 12:30.

 

Per maggiori informazioni:
Ufficio IMU - II piano palazzo municipale
tel. 035983634 - 035983623
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.