ATTIVO A BERGAMO E PROVINCIA IL NUMERO UNICO EMERGENZE 112

112- numero unico emergenzeDal 6 novembre 2012 a Bergamo e provincia è attivo il numero unico emergenze europeo 112, che ha sostituito i vecchi numeri 113, 115 e 118. In caso di necessità di intervento della Polizia, dei Carabinieri, dell’ambulanza sanitaria o dei Vigili del fuoco, si dovrà quindi comporre il 112.

Per il cittadino che continuerà ad usare i vecchi numeri, comunque, non cambierà nulla: le telefonate, infatti, saranno smistate in automatico al 112.

Al telefono risponderà una centrale operativa che si trova a Varese, dove il numero unico 112 è stato sperimentato per due anni. Gli operatori smisteranno poi le richieste di intervento alle centrali operative territoriali (di polizia, carabinieri, pompieri o emergenza sanitaria a seconda delle necessità) direttamente interessate che faranno partire i mezzi dalla sede più vicina.


Il nuovo numero di emergenza è assistito da alcune importanti novità tecnologiche:

- localizzazione del chiamante: all'arrivo di una telefonata gli operatori sapranno subito dove si trova il richiedente. Per la localizzazione dei telefonini viene utilizzata la rete cellulare (o il gps se disponibile), per i numeri di rete fissa invece si utilizza il database dei contratti con le società telefoniche. La localizzazione è automatica anche in caso di numero coperto o «privato». La localizzazione del chiamante può risultare molto utile in particolari situazioni di emergenza in cui il chiamante può non essere in condizioni di specificare dove si trova;

- traduzione simultanea in 10 lingue diverse, novità molto importante in una società sempre più poliglotta;

- è prevista anche la richiesta di soccorso via sms, sempre al 112;

- in caso di crollo della rete telefonica, rimane operativa una rete di emergenza che collega tutte le centrali collegate al 112.

Le telefonate e gli sms sono gratuiti sia dai fissi che dai cellulari e il 112 può essere chiamato anche da un cellulare senza sim o senza credito.


La centrale del Numero Unico Emergenze (Nue) di Varese serve anche le province di Lecco, Como, Monza-Brianza e Bergamo, per un totale di 3,7 milioni di persone. La prossima sarà attivata a Milano e provincia. La terza centrale sarà a Brescia (servirà anche Cremona, Sondrio, Lodi, Pavia e Mantova).

L’attivazione del NUE in Lombardia, prima fra le regioni italiane, è il frutto di una intesa tra Regione Lombardia e il Ministero dell’Interno, che hanno messo in comune competenze tecnico-operative, tecnologie e risorse economiche per conseguire l’obiettivo dell’adempimento della direttiva U.E., volta ad introdurre un numero telefonico uguale in tutta l’Unione a cui i cittadini potessero rivolgersi in caso di emergenza.